Lun20112017

Agg.:03:11:15

da Legno Storto:

Benvenuto in Medinapoli News !!!

Back Spettacolo

La Thatcher che non ti aspetti

"The Iron Lady” non è un documentario sulla figura di Margaret Thatcher e neppure un film storico, è semplicemente un film. Un bel film.

Nino D'Angelo, tra ieri e oggi

E’ andato in scena al Teatro Bellini lo spettacolo autobiografico dell’artista napoletano
NAPOLI – Nino D’Angelo si rinnova, ma forse – come affermato durante lo spettacolo - ha bisogno di uno psicologo. Il tutto accade nel momento in cui il D’Angelo, ‘caschetto d’oro’ anni Ottanta, non collima con il caschetto bianco attuale. 'C’era una volta un jeans e una maglietta’ rappresenta un tuffo nel passato: dagli anni 70 ad oggi.

Il successo dei polizieschi

Chiunque abbia un televisore sa che su tutti i canali si trovano polizieschi. I produttori cercano di variarli, cambiando i protagonisti - da professionisti della repressione del crimine a scrittori, da preti ad anziane signore – ma tutti si riconducono alla regola inglese del “Whodunit?”, “Chi è stato?”. E infatti ciò che noi chiamiamo “giallo” nei Paesi anglosassoni è chiamato “Mystery”.

Stranamente, il miglior modo per comprendere il perché del successo dello schema è risalire alle idee di Pierre Corneille (1606-1684) che non ha mai scritto un “giallo”, per la buona ragione che è nato e vissuto molto prima di Edgar Allan Poe.

Otello a Galleria Toledo

Dal 13 al 18 dicembre, con Alessandra D'Elia e Alassane Dou Lou Gou per la regia di Laura Angiulli
Desdemona si affaccia al Mondo Nuovo, non esangue eroina ma dinamica figura-simbolo di una modernità fortemente sentita, nell’apertura ai nuovi orizzonti che il tempo storico comporta. E’ interessante che sia proprio una figura femminile a porsi in gioco concretamente, per una risposta al desiderio di sentire e sapere e vedere, trasportata per mari inquieti dalla passione verso ciò che è inesplorato e diverso. Resta stabile la devozione all’amore, perché in questo caso l’amore si è legato al sogno, ha dato corpo all’immaginazione per una prospettiva di nuovo segno nell’interpretazione dell’esistenza…

Al Bellini Ascanio Celestino: Un Talento fuori dagli schemi

Torna a Napoli uno dei maggiori autori e intellettuali del nostro tempo. Ascanio Celestini è un pugno nello stomaco, un overdose di verità che colpisce l’ipocrisia di una società quasi senza speranza. Il suo ultimo  “Pro Patria” è in linea con i precedenti lavori volti a sensibilizzare il pubblico, a scuotere le coscienze intorpidite da anni di televisione. C’è la situazione delle carceri, l’impunità, l’Italia e Mazzini in un condensato di lucida denuncia e ironia sulfurea.

Napoli tra Paradiso e Inferno: Toni Servillo al Diana

La Napoli dalla religiosità popolare, superstiziosa, Napoli che parla con i morti, che instaura un filo diretto con l’aldilà.Questo tratto caratteristico della cultura partenopea è lo spunto per il nuovo spettacolo di Toni Servillo di scena in questi giorni al Diana. Un recital di poesie che mette insieme grandi classici (Viviani, Di Giacomo, Eduardo) e lavori inediti. Lo spettacolo rende omaggio alla  multiformità espressionistica di una lingua che sa farsi gesto, mimica, teatralità. Servillo percorre il dialetto da un capo all’altro fino alla poesia ricercata e neo barocca di Enzo Moscato.

Peppe Barra commovente e ironico al Cilea

L'attore napoletano omaggia Viviani con "La musica dei ciechi" e Voci dal Vico Finale
Malinconico, disincantato, struggente. E’ questo il ritratto che Peppe Barra offre del suo personaggio in La musica dei ciechi, di scena questi giorni al teatro Cilea. Un atto unico di Viviani che indaga, con colori vivaci e espressionisti, la vita di un gruppo di suonatori ambulanti e non vedenti. La cecità è parabola dell’esistenza sullo sfondo di una Napoli antica, notturna, misteriosa.

"Dignità autonome di prostituzione" apre la stagione al Bellini

Il Bellini regala i suoi spettatori a una stagione mai cosi ricca di qualità. Grandi nomi e grandi testi si affiancano a proposte piu alternative ma non per questo meno interessanti. E’ il caso di “ Dignità autonome di prostituzione”, attori in “ vetrina” recitano monologhi interattivi in pillole di “piacere” . La prostituzione è quella del teatro, ormai ripudiato dalla società nella sua funzione culturale e sociale. Ed è per questo che l’attore sente il diritto di riconquistarsi una dignità a partire dal presente degrado.

Teatro San Carlo, chiude Ottobre Danza 2011

Spettacolo degli Allievi della Scuola di Ballo, in scena “Troy Game” e “Il Guarracino”
Giovedì 27 ottobre alle ore 19.00, spettacolo degli Allievi della Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo diretta da Anna Razzi, impegnati in due coreografie, “Troy Game” e “Il Guarracino”, allestite grazie al supporto di Louis Vuitton.
Coreografia di Roberth North, in “Troy Game” due squadre di gladiatori-danzatori (con costumi di Peter Farmer) si sfidano sulle note di Bob Downes e sui ritmi ossessivi della batucada brasiliana, in una lotta di rapidità e agilità con movimenti che richiamano l'aikido e la capoeira. Gli interpreti del balletto sono Giuseppe Aquila, Luca Carannante, Flavio Ferruzzi (protagonista il 22 e 23 dei “Poetry Events” con la Carlson), Ferdinando De Riso, Angelo Egarese, Pasquale Giacometti, Francesco Lorusso e Fabio Tanania.

mediformazione

Giornalista AAA
Diventare Giornalista...

Ambiente pulito

Mela verde
La differenziata come frutto...

Editoria Digitale

JA Teline IV
per diventare Editori FaidaTE...

Moda & Stile

Moda Modella
Quando la moda non è immagine...