Ven21072017

Agg.:07:59:41

da Legno Storto:

Benvenuto in Medinapoli News !!!

Musica

A Napoli nasce la casa del mandolino

The House of Mandolin: il frutto di un sogno durato 20 anni nel cuore di Napoli. Inaugurazione giovedì 17 marzo
A Napoli resistono ancora grandi artigiani del mandolino, ma questo straordinario strumento della tradizione musicale e culturale napoletana trova all'estero riconoscimenti e valorizzazione. In Giappone è venerato da quasi un secolo come strumento che si lega alla musica tradizionale orientale; ogni college giapponese presenta un'orchestra sinfonica e una mandolinistica, mentre in Italia il mandolino è escluso dall'insegnamento. E se per trovare un festival del mandolino napoletano occorre andare in Corea del Sud, a Seul, a Napoli da oggi accanto ai liutai storici come Calace che resistono ed esportano un pezzo della nostra cultura, nasce un luogo che vuole celebrare il mandolino napoletano a casa propria.

Giovedì 17 marzo 2016 alle ore 20.30 si inaugurerà “The House of Mandolin”. Per la prima volta a Napoli un luogo dedicato al mandolino, a pochi passi da Spaccanapoli, in vico II Quercia.

Sembrava impossibile che, proprio nella patria di questo strumento così noto in tutto il mondo, non ci fosse uno spazio dedicato alla sua esposizione, al suo ascolto e alla raccolta della documentazione che lo riguarda. Fino ad oggi solo il Conservatorio di San Pietro a Majella custodiva due mandolini d’epoca, mostrati su richiesta: un vero e proprio tesoro da valorizzare.

Ravello Festival 2013

Sulla scia del successo ottenuto nella scorsa edizione ( 15% di biglietti venduti rispetto al 2011), il Ravello Festival estivo riparte nel 2013 con un cartellone ancora più fitto che in passato: sono 70 i giorni di programmazione (dal 29 giugno al 7 settembre) e oltre quaranta gli eventi proposti, senza contare le mostre e gli incontri di parola, che arricchiscono un’offerta articolata ed internazionale.

Il Belvedere di Villa Rufolo, rinnovato anche nel look e reso ancora più elegante, farà da cornice alla maggior parte degli eventi, diventando il punto di riferimento assiduo e privilegiato del Festival. Nell’affascinante Sala dei Cavalieri, nei giardini amati da Wagner, troveranno posto, invece, gli spettacoli più raccolti e i concerti cameristici, mentre l’Auditorium Niemeyer, sede principale dell’attività in destagionalizzazione promossa dalla Fondazione Ravello, verrà utilizzato in poche occasioni di spicco.

Napoli ricorda la Shoah

Concerto per la Giornata della Memoria al Teatro di Corte di Palazzo Reale. Evocativa trasposizione dell’immane sacrificio ebraico nel canto straziante e dolente dell’umana sofferenza.
Il Teatro di San Carlo commemora la Giornata della Memoria, riconosciuta dalla Repubblica italiana per celebrare l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz ad opera delle truppe sovietiche il 27 gennaio 1945.  Il programma del concerto, svoltosi il giorno dell’anniversario nel Teatro di Corte di Palazzo Reale, si articola nell’esecuzione del brano per vibrafono e coro, Valsevaerk, del compositore danese Bo Holten, eseguita nella prima parte, e nel Requiem per soli, coro, vibrafono, organo, pianoforte e percussioni, brano composto dall’autore napoletano, Gaetano Panariello. In scena Marco Pezzenati (percussioni), Pasquale Bardaro (vibrafono), Vincenzo Caruso (pianoforte), Riccardo Fiorentino (organo), il Coro del massimo partenopeo, il soprano Rosanna Savoia, il contralto Candida Guida, il tenore Marcello Nardis, il basso Simone Alberti. Voci recitanti: Mariano Rigillo e Annie Pempinello. Direttore: Salvatore Caputo.

Meeting the stars and performing

Al Vomero, dalle ore 18.30 di lunedì 10 dicembre, performance e dialoghi con gli artisti dell'Opera. Ospiti Cinzia Forte e Saimir Pirgu
La straordinaria e unica opportunità che Meeting the stars and performing ovvero Il Commento e il Cimento offrirà ai partecipanti è quella di cimentarsi in brevi performance, al cospetto, benevolo e amichevole, di critici ed esperti internazionali, nonché di interpreti in carriera.
In concomitanza con le inaugurazioni delle Stagioni delle principali Istituzioni Lirico-Sinfoniche italiane, il giorno 10 dicembre 2012, alle ore 18,30 nella Sala Gala di Dance Company, in via S.Gennaro ad Antignano n. 81 (piazza Bernini) a Napoli, due tra i maggiori interpreti di La Traviata della storia recente, attualmente protagonisti al Teatro di San Carlo, incontreranno melomani, studenti e appassionati, raccontando aneddoti, retroscena, fatiche e soddisfazioni di una delle più belle professioni del mondo.

Made in Sud all'Arena Flegrea

Comicità & Musica: sabato 30 giugno ore 21 serata evento a Napoli (Mostra d’oltremare) con i comici di Made in Sud accompagnati dalla musica dei 99 posse
Lo spettacolo, unico nel suo genere, raccoglie in un’unica serata tutti i comici della fortunata trasmissione televisiva “Made in sud”, accompagnati dai 99 posse, gruppo storico della musica nazionale e campana e Jovine il gruppo rivelazione della scena reaggae e jamaican di Napoli. La serata evento all’Arena Flegrea è la festa finale per quanti hanno seguito e apprezzato il numeroso nucleo di comici dell’unico programma di comicità live prodotto e registrato al sud in onda tutti i giorni su Comedy Central nel bouquet Sky, e dal vivo sul palco del Teatro TAM di Napoli.

Samuele Bersani all'Acacia: Una serata da dimenticare

 

Nelle due ore e quaranta di spettacolo il cantautore bolognese fa di tutto per rovinare la serata ai malcapitati fans, numerosissimi nonostante i 40 euro del biglietto. Dopo i primi brani eseguiti senza infamia ne lode, in versioni molto fedeli alle registrazioni in studio inizia la via crucis. “Il basso rimbomba troppo” per Bersani, “ sta venendo tutto malissimo ma quando non c’era il pubblico invece andava tutto bene”. Meglio fare concerti in solitudine allora, nessun rischio di delusioni.

Nino D'Angelo, tra ieri e oggi

E’ andato in scena al Teatro Bellini lo spettacolo autobiografico dell’artista napoletano
NAPOLI – Nino D’Angelo si rinnova, ma forse – come affermato durante lo spettacolo - ha bisogno di uno psicologo. Il tutto accade nel momento in cui il D’Angelo, ‘caschetto d’oro’ anni Ottanta, non collima con il caschetto bianco attuale. 'C’era una volta un jeans e una maglietta’ rappresenta un tuffo nel passato: dagli anni 70 ad oggi.

«Sotto il vestito... Napoli», il primo album striptease della canzone napoletana

NAPOLI – Il primo album-striptease della canzone napoletana è stato presentato al megastore Fnac del Vomero e da questa settimana in vendita nei negozi. Accompagnate dal pianista e cantante Lorenzo Hengeller, tre giovani e misteriose cantanti si spogliano dei propri vestiti, alla ricerca non dello scandalo, ma dell’essenzialità. Il produttore, Federico Vacalabre, spiega come dietro l’immagine ci sia l’anima della città canora per eccellenza, “una tradizione sfrondata dall'oleografia e riletta con sensualità jazzistica, con sonorità nude e scabrose, con vocalità carnali”.

Fiorenza - Daniela - Lorena: la musica nuda di Napoli

Breve profilo delle cantanti di "Sotto il vestito... Napoli"

mediformazione

Giornalista AAA
Diventare Giornalista...

Ambiente pulito

Mela verde
La differenziata come frutto...

Editoria Digitale

JA Teline IV
per diventare Editori FaidaTE...

Moda & Stile

Moda Modella
Quando la moda non è immagine...