Lun20112017

Agg.:03:11:15

da Legno Storto:

Benvenuto in Medinapoli News !!!

Back Cultura Cultura News Comunicazione “Senti chi ricerca! Storie di ricerca e ricercatori” in onda su RadiOrientale

“Senti chi ricerca! Storie di ricerca e ricercatori” in onda su RadiOrientale

La web radio dell’Università degli Studi Napoli “L’Orientale” ospita il format radiofonico per conoscere il dietro le quinte della ricerca

È tutto pronto per la diretta che si terrà, mercoledì 27 luglio, a partire dalle ore 21.30, sulle frequenze di RadiOrientale, la web radio de “L’Orientale” di Napoli, che trasmetterà “Senti chi ricerca”, il primo format condiviso realizzato dalle web radio universitarie italiane dedicato al mondo della ricerca scientifica e che dà voce ai ricercatori. Dopo le prime sette puntate realizzate da Unica Radio di Cagliari, Sanbaradio di Trento, Radiophonica di Perugia, CampusWave Savona, Uniradio Cesena, Radio Spin Prato e Radio Eco, è il momento di RadiOrientale. Ospiti dell’ottava puntata saranno tre ricercatori, Giuseppe Balirano, ricercatore in Lingua e Linguistica inglese presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere e Matteo D’Acunto, ricercatore in Archeologia Classica, presso il Dipartimento del Mondo Classico e del Mediterraneo antico dell’Università “L’Orientale” di Napoli e Davide Ferrari, ricercatore in Patologia Generale presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e diagnostica dell’Università di Ferrara, che racconteranno non solo i propri progetti ma anche le proprie passioni personali, le aspettative e i desideri. A coordinare il format radiofonico, che è partito l’8 giugno e si concluderà il 21 settembre, è Ustation.it, il network dei media universitari, in collaborazione con RadUni, che ha un ruolo fondamentale anche nella realizzazione di una serie di eventi live. Infatti il progetto, nel quale Ustation e Raduni sono coinvolti, dal titolo: “Everyday Science-Italy plays Science”, coordinato da Aster, si propone quest’anno in una dimensione nazionale che vedrà la programmazione di numerosi eventi che toccheranno 10 regioni italiane, dal nord al sud della penisola. Culmine dell’evento sarà la “Notte dei ricercatori”, l’iniziativa promossa dalla REA (Research Executive Agency) attraverso il Programma Quadro in Ricerca e Sviluppo Tecnologico, che si terrà il 23 settembre e che coinvolgerà centinaia di ricercatori e istituzioni di ricerca di tutti i paesi europei per diffondere la conoscenza della figura del ricercatore e valorizzare la sua professione.