Lun29052017

Agg.:02:00:24

da Legno Storto:

Benvenuto in Medinapoli News !!!

Italia

Expo Milano 2015. Al via la terza fase della campagna di comunicazione

  • PDF

“EXPO MILANO 2015. IL TUO GIRO DEL MONDO”
“Expo Milano 2015. Il tuo giro del mondo”: è questo lo slogan della nuova campagna di comunicazione che sarà lanciata sulle principali emittenti televisive e radiofoniche nazionali a partire da domenica 5 aprile.

Dopo il lancio, in cui veniva presentato il grande tema “Nutrire il Pianeta. Energia per la Vita” e una seconda fase, “Expo Experience”, che introduceva le possibili esperienze dei visitatori, si prosegue ora raccontando la visita a Expo Milano 2015 come un viaggio irripetibile tra i saperi e sapori del mondo, in cui le persone potranno scoprire, scambiandosi conoscenze ed esperienze, oltre 140 paesi in un unico luogo: il sito espositivo. A cominciare dalle architetture straordinarie, per proseguire con i popoli arrivati da luoghi lontani per offrirci i loro cibi, le loro usanze, i loro spettacoli.

Italia, immigrati triplicati in 10 anni

  • PDF

Secondo i dati Ocse
In Italia la percentuale di immigrati sul totale della popolazione è quasi triplicata tra 2001 e 2011, raggiungendo il 9%. Lo afferma l'Ocse in un rapporto in cui si evidenzia come l'Italia, assieme alla Spagna, è il Paese dell'Organizzazione che dal 2000 ha vissuto la maggiore crescita annuale della popolazione immigrata. Secondo lo studio bisogna favorire l'integrazione degli immigrati e dei loro figli nella società e far sì che acquisiscano le capacità necessarie per migliorare le loro prospettive lavorative e i loro salari.
Molti immigrati arrivano in Italia per lavorare, piuttosto che per ricongiungimento familiare o per ragioni umanitarie, e nella popolazione in età lavorativa il loro tasso di occupazione è maggiore rispetto ai nativi. Molti di loro, però, sono intrappolati in lavori a bassa produttività e mal pagati, si legge, e costituiscono una buona parte dei lavoratori in condizioni di povertà.

Dal Governo Renzi più soldi ai "reduci garibaldini"!

  • PDF

(Lettera Napoletana) Dai contribuenti italiani il governo Renzi ha spremuto finora 3 miliardi tra aumenti di imposte e nuove tasse (cfr. Libero, 27.6.2014). Nel suo bilancio, però, il governo trova i soldi per finanziare l’Associazione Nazionale Veterani Reduci Garibaldini. Anzi, con il voto favorevole anche del Movimento 5 Stelle, i ministri Giancarlo Padoan (Economia) e Roberta Pinotti (Difesa) hanno deciso di elevare il contributo destinato all’associazione. Certo, la prima notizia, che sfiora l’incredibilità, è che esista ancora un’associazione di “veterani reduci garibaldini”, anche anagraficamente improbabile a 132 anni dalla morte dell’avventuriero definito “l’eroe dei due mondi”. Nata nel 1871, l’associazione dei reduci garibaldini, è stata poi rifondata a Roma nel 1944. La seconda notizia, resa nota dal giornalista Lanfranco Palazzolo, (IL TEMPO on-line ,13.4.2014) è che il 9 aprile scorso la Commissione Difesa della Camera ha dato parere favorevole (con il voto del deputato del Movimento 5 Stelle Tatiana Basilio) al Decreto interministeriale 87, che contiene lo schema di riparto (Atto di governo n.73) per lo stanziamento di altri 300mila euro alle associazioni combattentistiche e partigiane. I 300mila euro si aggiungono ai 674mila euro previsti nel Decreto 114 e vincolati alla rendicontazione ed alla pubblicazione delle spese da parte delle stesse associazioni. In totale si tratta di 974mila euro.

Traffico rifiuti da Campania a Puglia: scavi nel foggiano

  • PDF

Foggia, 6 mag. (Adnkronos) - Questa mattina a Cerignola, in provincia di Foggia, in contrada 'Borgo Libertà', i carabinieri del Comando Provinciale e quelli del Nucleo operativo ecologico di Bari, nell'ambito dell'indagine 'Black Land', hanno avviato, alla presenza dei consulenti della Procura della Repubblica della direzione distrettuale antimafia del capoluogo pugliese, i 'carotaggi' della cava situata vicino alla diga 'Capacciotti'.

Sull'area, sequestrata lo scorso 11 aprile nel corso dell'operazione Black Land, verranno eseguiti scavi per verificare la presenza e la natura di eventuali rifiuti tombati. L'operazione segue le verifiche effettuate nella cava di Ordona 15 giorni fa e quella di ieri ad Apricena e le investigazioni avviate dai carabinieri del Comando Provinciale e del Noe da marzo 2013 che hanno portato, con l'operazione Black Land, all'arresto di 14 persone ritenute responsabili di traffico illecito di rifiuti dalla Campania alla Puglia in un periodo di diversi anni.

Italia promossa dalla Commissione Europea

  • PDF

La Commissione Europea ha chiesto la chiusura del procedimento d’infrazione del deficit pubblico per l’Italia, avviato nel 2009, durante l’esecutivo di Berlusconi. La notizia, trapelata nei corridoi di Bruxelles già nei giorni scorsi, ha ricevuto l’ufficialità il 29 maggio.

Il documento certifica la politica di rigore e di tagli alla spesa pubblica attuata dal governo tecnico. Infatti l’attuale premier, Enrico Letta, commentando il via libera da parte della Commissione ha ringraziato gli italiani “per lo sforzo sostenuto” e il suo predecessore, Mario Monti, “al quale va il mio personale ringraziamento”. Non manca Letta di rimarcare il ruolo del suo governo il cui impegno «è quello di rispettare gli obblighi assunti in sede europea e di applicare il programma sul quale il Parlamento ha votato la fiducia». (la Repubblica, 29 maggio).

La Banca del Mezzogiorno? Finanzia le imprese del Nord

  • PDF

(Lettera Napoletana) Che fine ha fatto la Banca del Mezzogiorno? Condannato a morire di lento soffocamento dai banksters del governo Monti (v. Sud: Banca del Mezzogiorno, Passera getta la maschera, LN 53/12), l’Istituto di credito pensato, nel progetto originario dell’ex ministro dell’Economia Giulio Tremonti, come strumento per finanziare le Pmi (piccole e medie imprese) del Sud, serve in realtà ad erogare prestiti alla Fiat ed all’industria di Stato (Ansaldo, Fincantieri).

La Bdm, controllata al 100% da Poste Italiane e presieduta dal suo amministratore delegato, Massimo Sarmi, ha approvato il bilancio 2012 (chiuso con un attivo di 7,1 milioni). A leggere le cifre, pubblicate dal supplemento economico del Corriere della Sera, si resta stupefatti: «dei 750 milioni di finanziamenti messi a budget (...) per quest’anno - solo 100-150 milioni sono destinati alle piccole e medie imprese (…); 400 milioni (il 53%) sono rivolti a circa 400 grandi imprese; e i restanti 200 milioni (il 27 %) sono per erogare mutui e prestiti con cessione del quinto dello stipendio ai dipendenti delle Poste» (Corriereconomia, 29.4.2013).

Quello che le etichette non dicono

  • PDF

 

Carcasse di volatili contenute nei wurstel di pollo

I nomi degli ingredienti descritti nelle etichette stampate sui prodotti alimentari spesso nascondono il reale contenuto dei vari composti, addensanti ed edulcoranti coi i quali si impastano i cibi che consumiamo. L’ultima novità riguarda la presenza di carcasse avicole nel noto prodotto, protagonista di hot dog e panini delle serate tra amici.

Come avviene la macellazione delle carcasse? Il procedimento consiste nel trasferimento delle suddette in speciali presse, dove sono macinate mediante l’utilizzo di particolari setacci per eliminare i residui ossei. Tale processo si chiama  “carne separata meccanicamente”, ed è il meccanismo con il quale la maggior parte di questi alimenti (quasi il 90%) vengono confezionati e venduti sugli scaffali dei supermercati. Dopo l’avvenuta separazione, si uniscono i conservanti e gli addensanti a seconda del tipo di wurstel fino alla realizzazione del prodotto.

Quello che Pino Aprile non capisce sul Sud

  • PDF

(Lettera Napoletana) Al recente Convegno di Gaeta (15-17 febbraio) il giornalista ed autore di saggi sul Sud Pino Aprile ha pronunciato un lungo intervento, non senza suscitare perplessità e dissensi tra i presenti. Una ventina di persone hanno abbandonato la sala mentre parlava. Confermando una visione della “questione meridionale” priva di retroterra storico e pesantemente condizionata dall’ideologia, Aprile ha commentato a senso unico la cronaca politico-giudiziaria degli ultimi mesi. Il giornalista ha espresso la sua indignazione per l’inchiesta che coinvolge l’amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi, vicino alla Lega, ha criticato la proposta del segretario della Lega, Roberto Maroni, di destinare per il 75% alla Lombardia le imposte pagate dai residenti (in realtà, la proposta riguarda tutte le Regioni, in linea con il federalismo fiscale), ha ironizzato sull’ex ministro della Pubblica Istruzione del governo Berlusconi, Maria Stella Gelmini ricostruendo (con diversi errori di fatto), una sua proposta “anti-meridionale” sui libri di testo peraltro non attuata. Aprile ha bollato con parole di fuoco Berlusconi e le sue frequentazioni private ed ha attaccato l’ex ministro dell’economia Giulio Tremonti. Dalla sua ricostruzione ha tenuto accuratamente fuori qualunque episodio che coinvolgesse la sinistra del Pd e di Nichi Vendola, così come quella del pm Ingroia e dell’ex pm De Magistris. In cambio ha elogiato l’assessore alle attività produttive del Comune di Napoli Marco Esposito (presente a Gaeta non si capisce a quale titolo), eletto nelle liste dell’Idv di Antonio Di Pietro, e legato al sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Dell’assessore Esposito, LN si è recentemente occupata per l’iniziativa-bidone sulle assicurazioni (cfr. “Sud: l’estorsione delle assicurazioni e il vuoto di rappresentanza politica”, LN 60/13).

Bilancio Ue. Presentata la bozza per il quadro finanziario pluriennale 2013

  • PDF

Dopo ore di consultazioni, le proposte del presidente del Consiglio europeo, Van Rompuy, in riferimento alle linee guida del bilancio comunitario sono state accettate dalla maggioranza dei capi di stato e di governo dei paesi membri dell’eurozona, riunitisi a Bruxelles per il vertice sul Bilancio Ue il 7 e 8 febbraio.

Il tetto complessivo di spesa, nella bozza di Van Rompuy, ammonta a 960 miliardi di euro per gli impegni, mentre i pagamenti effettivi sono di 908,4 miliardi. La cifra complessiva risulta inferiore di quasi 12 miliardi di euro rispetto alla proposta iniziale avanzata dallo stesso presidente del Consiglio europeo nel fallito vertice dello scorso novembre. Si evidenzia la forte contrazione economica dell’ultimo anno causa di una mancata politica di sviluppo improntata, invece, al rigore di bilancio.  Per la prima volta nella storia del bilancio Ue il tetto complessivo di spesa non aumenta. Infatti si nota la discrepanza rispetto all’ultimo bilancio, relativo al periodo 2007-2013, a livello di impegni e pagamenti effettivi pari rispettivamente a 34 e 34,6 miliardi.

Torna alle Regioni la competenza di 18 aree da disinquinare. Con quali conseguenze?

  • PDF

Tra gli ex Sin La Maddalena e diverse aree campane, dal litorale domizio flegreo a quello vesuviano, passando per Pianura e il bacino del Sarno
La competenza del disinquinamento di 18 dei 57 Siti di interesse nazionale (Sin) da risanare passa dallo Stato alle Regioni, divenendo Siti di interesse regionale (Sir). Pur assicurando il mantenimento dei finanziamenti precedenti, nella nota del Ministero dell'Ambiente si legge l'intenzione di accelerare gli investimenti, accrescendo la vicinanza ai cittadini e alle esigenze locali e riducendo la burocrazia.

Il decreto, che ridisegna l’elenco dei Sin, è stato firmato dal ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, e mira a concentrare l’attenzione dello Stato su 39 aree di particolare complessità ambientale per la presenza di impianti chimici o di contaminazioni più pericolose, restituendo la competenza di controllo e risanamento alle Regioni per 18 aree che non hanno le caratteristiche per essere classificate di interesse nazionale.

Rincaro del 7% sulle bollette dell’acqua. Il Consiglio di Stato boccia l’ingiustificato aumento

  • PDF

Bocciatura perentoria quella formulata dalla magistratura amministrativa in seguito all’aumento del 7% sulle bollette dell’acqua. Il rincaro, destinato alla remunerazione del capitale investito, disattende l’esito del referendum abrogativo del giugno 2011 i cui primi due quesiti concernevano proprio la gestione del servizio idrico da parte di privati.

Soddisfazione per le associazioni di Consumatori che hanno sempre dichiarato «Illegittime le tariffe chieste fino ad oggi». Secondo il Forum dei movimenti per l’acqua «gli italiani pagano una bolletta illegittima da luglio 2011».

Pisapia: Lista «arancione»? Un caso di appropriazione indebita

  • PDF

Riportiamo l’articolo del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, apparso oggi sull’Unità del 29 dicembre 2012. Pisapia prende le distanze dal movimento politico lanciato dal Sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, che nell'articolo non viene mai citato; nemmeno quando ricorda il lancio del movimento con la sua candidatura a primo cittadino del capoluogo milanese, con l'analogo coinvolgimento di altre città, tra le quali vengono citate Cagliari e Genova, mentre Napoli viene clamorosamente omessa.
Un anno e mezzo…era dal giugno del 2011, da quando sono diventato sindaco, che non riuscivo ad avere un po’ di tempo per me. Scrivo solo ora queste riflessioni, che avevo in testa da un po’ e che molti mi sollecitavano, dopo aver ricevuto da Gianni fotografo per passione e tappezziere di professione un meraviglioso regalo: un album con tante foto bellissime della campagna elettorale che ha cambiato colore a Milano, togliendo dopo diciassette anni la città al governo della destra.

Esiste una Prospettiva Euro Mediterranea?

  • PDF

E' possibile oggi ipotizzare un'area di cooperazione tra la sponda nord e la sponda sud del Mediterraneo, a fronte dei rivolgimenti politico-sociali afferenti all'area nord africana e all'evidente difficoltà dell'Unione Europea di stabilire contatti multilaterali con le diverse regioni?

La Cappella Pappacoda dell'Università degli Studi di Napoli L'Orientale ha ospitato il seminario sulla Prospettiva Euro Mediterranea. L'incontro- promosso dall'associazione Prospettiva Europea in partnership con le associazioni Orientale 05 e Step Europa, nell'ambito del ciclo di seminari "Verso Europa 2020"-

ha proposto il tema della cooperazione tra i paesi del bacino mediterraneo, a partire dall'origine storica delle relazioni interregionali fino agli attuali scenari geopolitici. Tra i relatori, il prof. Sergio Ventriglia, docente di Geografia Politica dell'Europa presso L'Orientale, il dott. Luca Forte, rappresentante di Smr (Osservatorio Mediterraneo e Statiche Territoriali), e la dott.ssa Lorena Matteo, presidente dell'associazione Noi@Europe.

Tav. Bilaterale Francia-Italia

  • PDF

Lione. Durante la conferenza stampa congiunta, il premier italiano Monti e il presidente francese Hollande hanno ribadito la ferma intenzione di proseguire con gli accordi già stipulati tra i due paesi in merito alla costruzione della linea ad alta velocità Torino-Lione, meglio nota come Tav.

La sottoscrizione dell’impegno per la realizzazione del progetto entro i tempi previsti rientra nella visione generale di una politica comune. La necessità di ridurre lo spread, tra gli argomenti affrontati durante il bilaterale, rappresenta il fondamento per la costruzione di una convergenza politica tra gli Stati membri dell’Ue. Secondo Monti ed Hollande, infatti, non bastano le politiche di rigore nonostante «per la crescita la disciplina di bilancio sia una condizione necessaria ma al tempo stesso non sufficiente: servono iniziative concrete, come quella confermata oggi, con la volontà politica comune di realizzare la Torino-Lione». Quest’affermazione segue il calo dello spread tra Bund tedeschi e bond italiani del 3 dicembre con il differenziale sceso sotto la quota di 300 punti. Il capo del governo italiano ha affermato che il suo desiderio è arrivare a 287 punti base «che rappresenta un obiettivo e spero sia presto toccato», ha auspicato Monti in riferimento alla metà della «quota 574 con cui abbiamo iniziato il nostro percorso».

Una nuova strategia per l’Europa

  • PDF

La grave stagnazione economica nella quale versa l'occidente ripropone con forza l'assenza di una politica comunitaria inerente all'Unione Europea.

La centralizzazione governativa di più stati in unico organismo avrebbe dovuto produrre, in tempi non sospetti, una seria analisi sulla riconfigurazione del mercato del lavoro in un complesso economico sempre meno produttivo ma sempre più indebitato. Il superamento dell'ideologica appartenenza allo Stato d'origine si sarebbe dovuto accompagnare ad un nuovo modo di reinvestire le risorse economiche oramai deficitarie per le singole nazioni. La cosiddetta "bolla speculativa" del capitalismo finanziario ha prodotto l'illusione nella compagine europea di poter gestire i bilanci statuali senza, però, alcun incentivo per favorire la mobilità lavorativa in un continente privo di frontiere.

L’Europa tra il pareggio di bilancio e il deficit della crescita

  • PDF

 

L’approvazione del Meccanismo Europeo di Stabilità, confermato dalla Corte Costituzionale Tedesca il 12 settembre, avrebbe dovuto fungere da slancio per un rinnovato impulso alla crescita e alla stabilità dei paesi membri dell’Ue. Invece, a distanza di un mese, l’Europa continua a trovarsi in una condizione di stallo, presa tra le difficoltà economiche sottese ai paesi dell’area meridionale e i provvedimenti finalizzati all’unione economica bancaria, primo obiettivo in vista della federazione politica degli stati membri.

La Riforma Fornero alla prova dell’art.8

  • PDF

E’ trascorso appena un anno da quando il legislatore, con l’articolo 8 del d.l. 138 del 13 agosto del 2011, convertito dalla legge n. 148 del 2011, ha affidato ai sindacati la responsabilità di risollevare le sorti di un mercato del lavoro caduto in una crisi profonda e capace di generare serie preoccupazioni anche tra gli altri  Paesi membri dell’UE.
L’articolo 8, come emerge dalla cronaca del tempo, è stato salutato con grande entusiasmo dalle forze politiche tanto che, a fine ottobre del 2011, l’allora premier italiano, Silvio Berlusconi, con una lettera dai toni rassicuranti, annunciavaall’UE significativi cambiamenti in atto del mercato del lavoro italiano.
Gli entusiasmi a ben guardare non erano ingiustificati. Ed infatti, nell’ottica di aumentare la produttività delle imprese e con essa l’occupazione, l’articolo 8 consente ai sindacati comparativamente più rappresentativi sul piano nazionale o territoriale o anche alle loro rappresentanza aziendali di sottoscrivere contratti di secondo livello applicabili a tutti i lavoratori dell’impresa, iscritti o meno ai sindacati stipulanti, ponendo cosi fine alla lunga querelle circa l’efficacia soggettiva di detti accordi.

L’Europa in attesa del 12 settembre

  • PDF

In attesa della sentenza da parte della Corte Federale tedesca sulla conformità del fondo salva-stati (Esm) alla propria Legge Fondamentale, prevista per il 12 settembre, continua a tenere banco il rapporto tra rigore di bilancio e crescita economica.

MIBAC: "All'Istituto di Studi Filosofici 1.200.000 euro nel 2011. Altri fondi nel 2012"

  • PDF

L’impegno del Ministero dei Beni Culturali per l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Il Ministero dei Beni Culturali ha diffuso una nota sulla vicenda riguardante l'Istituto Italiano di Studi Filosofici, all'indomani delle polemiche suscitate dalla chiusura della Biblioteca ricavata in ben 14 appartamenti, per un fitto annuo di 200 mila euro, e delle notizie, riportate da numerosi organi di stampa, che illustrano la gravissima situazione di  crisi a cui è pervenuta la vita dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli. Il Ministro Ornaghi ha chiesto ai competenti uffici una relazione dalla quale si evince che, per quanto riguarda il MiBAC, "nel 2011 è stato erogato all’Istituto, con legge speciale, un contributo straordinario di 1.200.000 euro, mentre l’Istituto stesso - in precedenza non finanziato dal Ministero, bensì da altri organismi dello Stato - riceverà dal 2012 un contributo ordinario di 75.000 euro, ritagliato nell’ambito della cosiddetta ‘tabella triennale’, con la quale viene sostenuto un rilevante numero di altri istituti e centri di ricerca culturale del nostro Paese".

Europa in bilico tra il rigore e l’unione bancaria

  • PDF

In attesa del responso sulla compatibilità dello scudo anti spread con la costituzione federale tedesca previsto per il prossimo 12 settembre, il primo ministro italiano, Mario Monti, è impegnato in un tour europeo con alcuni rappresentanti dei paesi membri dell’Ue.

Caso Ilva. Sistema Italia

  • PDF

La canicola agostana ha portato con sé, oltre l’insopportabile afa degli ultimi giorni, un brusco risveglio delle coscienze sugli interrogativi posti dal caso Ilva. Lo stabilimento di Taranto, sede della più grande acciaieria d’Italia e d’Europa, si è visto notificare dal magistrato Patrizia Todisco la chiusura di una parte del complesso industriale a causa delle mancate procedure di tutela dell’ambiente e della salute. A fronte dell’aumento di casi di malattie riconducibili all’alto tasso d’inquinamento nella città salentina, il gip ha ritenuto opportuno attuare la sospensione dell’attività produttiva responsabile dell’emergenza ambientale e sanitaria. Immediata la levata di scudi da parte della politica locale e nazionale, in difesa della legittimità operativa dello stabilimento come la polemica compatta contro la magistratura rea del principio d’attribuzione.

mediformazione

Giornalista AAA
Diventare Giornalista...

Ambiente pulito

Mela verde
La differenziata come frutto...

Editoria Digitale

JA Teline IV
per diventare Editori FaidaTE...

Moda & Stile

Moda Modella
Quando la moda non è immagine...